SPIEGAZIONE FISICA ALLA MORTE DI GWEN STACY

Spider-man è uno dei personaggi più discussi del mondo Marvel.

Peter Parker era uno studente di scuola superiore secchione tormentato dai suoi compagni. Parker era orfano e viveva con i suoi parenti, Mary e Ben. Un giorno durante una dimostrazione sulla radioattività fu inavvertitamente morso da un ragno radioattivo che gli donò le caratteristiche degli aracnidi.

In ogni caso, gli appassionati di fumetti discutono da tempo sulla morte di Gwen Stacy, la fidanzata di Peter. Goblin rapisce la ragazza di Parker e la porta in cima al ponte George Washington, usandola come esca per attirare l’Uomo ragno fino allo scontro. A un certo punto, durante la lotta, Goblin butta Gwen dal ponte.

All’ultimo momento Spider-man riesce ad afferrare Gwen con la tela ma riportandola in cima vede che in realtà la ragazza è morta. Ma come spieghiamo la morte della ragazza nonostante il pronto salvataggio del nostro eroe?

Ora pensiamo alla fisica, per accettare una volta per tutte la vera causa della morte di Gwen Stacy. La domanda fondamentale da porsi è questa: quanto è grande la forza esercitata dalla tela dell’Uomo ragno quando ferma la caduta? Per determinare le forze che hanno agito dobbiamo sapere a che velocità stava cadendo. Possiamo utilizzare l’espressione v²=2gh. Supponendo che la tela prenda dopo una caduta di circa 90 m, si ottiene una velocità di circa 150 km/h. La resistenza dell’aria la rallenterà ma il pericolo in lei non consiste nella velocità ma nell’arresto improvviso. Prendiamo in considerazione la seconda legge di Newton F=ma. L’impulso è uguale alla forza per il tempo.

Quindi, tornando all’Uomo ragno, la sua tela ha sì delle proprietà elastiche ma il tempo disponibile per rallentare la caduta è breve il che è terribile. Più breve è il tempo maggiore è la forza. Quando la tela ferma Gwen l’onomatopea SNAP! Indica il probabile effetto di una forza così grande applicata in un tempo così breve. Così è spiegata attraverso la fisica una delle morti più inaspettate dell’universo Marvel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *